Lago Inle

Il 25 siamo arrivati su lago Inle, un posto incredibile, dove tutta la vita si svolge sull'acqua, come nei tempi antichi, centinaia di anni fa. Lago Inle, proprio per questo, è una delle principali mete di turisti di tutto il mondo. Il lago è lungo circa 22 chilometri e largo circa 11. Nella zona sud del lago, è vietato l'accesso ai turisti in quanto nella zona ci sono dei ribelli Shan, e la sicurezza non sarebbe garantita. In questo periodo dell'anno l'acqua è molto bassa, così tantissime case che normalmente si trovano sull'acqua si trovavano in pratica sulla terra ferma.

Prima di raggiungere il lago, ci siamo fermati in un monastero per piccoli monaci buddhisti. I piccoli monaci sono grandi tifosi di calcio ed era piacevole scoprire che molti di loro hanno la stessa squadra di cuore come me: il Milan. Anche se vivono dall'altra parte del mondo, si vede che ne sanno qualcosa di calcio.

Il monastero di legno costruita su palafitte   Piccoli sacerdoti   Flusso di vita quotidiana   Tifosi di Milan

Raggiunto il lago, abbiamo scambiato il nostro abituale mezzo di trasporto, la macchina, con uno nuovo, una barca lunga e stretta, molto veloce, ma anche molto rumorosa. Dopo quasi un ora siamo arrivati in un ristorante dove era previsto il pranzo per quel giorno. Dalla terrazza si vedeva, proprio davanti a noi, Phaung Daw Oo Paya, una pagoda ricostruita al posto di un'altra, che è stata distrutta in un incendio. Una caratteristica di questa pagoda è che non contiene le statue di Buddha, ma cinque figurine dorate su un altare. Come anche in tanti altri posti, alle donne è vietato di avvicinarsi all'altare.

La barca con la quale visiteremo il lago   Lago Inle   Pescatore dei pesci   Il primo pranzo di pesce sul lago   Pagoda Phaung Daw Oo Paya   L'altare nella pagoda

Dopo pranzo abbiamo continuato il nostro giro sul lago, nei vari villaggi, osservando la vita quotidiana degli abitanti e visitando alcuni posti dove si producono in modo artigianale i tessuti di seta e fiore di loto (questi ultimi sono carissimi in quanto per avere un metro quadrato del tessuto ci vogliono 4 giorni interi di lavoro), le sigarette e gli oggetti in ferro. C'era anche una festa per i bambini, piuttosto comune in questo periodo in quanto le scuole sono chiuse per le ferie.

Strade caratteristiche del lago   Edifici tradizionali sull'acque   Pagoda su una piccola isola   Tessitura della seta   Filo del fiore di loto   Festa di compleanno   Fucina   Un momento di serenità   Produzione delle sigarette   Una specie di stazione per barche

Verso le quattro di pomeriggio ci siamo avviati verso il nostro albergo e prima della cena ci siamo presi un break sulla terrazza del nostro bungalow, a godere di uno splendido tramonto, tutto dorato.

Terrazza del nostro appartamento   Tramonto dalla terrazza

Il giorno successivo, il 26, la prima meta era un vastissimo mercato, Shwe Inn Thein, ma durante il viaggi abbiamo avuto un piccolo inconveniente con la nostra barca: l'acqua nei canali era bassissima e così ci siamo arenati. Un'uscita dalla barca, una spintarella, ed il viaggio è continuato. Nei pressi del mercato c'è un vecchissimo complesso delle stupe che abbiamo ammirato arrampicandoci su una collina (faceva molto, molto caldo).

Ci siamo arenati – ho dovuto spingere la barca   Due ragazzi su un bufalo   Il bufalo di fiume   Una roggia   Una pagoda abbandonato sulla quale è cresciuto un albero   Pagoda nella zona di un mercato

Il pranzo è stato servito in un ristorante italiano. Inizialmente ho chiesto una pizza margherita: niente da fare, quel giorno non avevano le pizze. Dopo ho chiesto una carbonara, e anche questa non si poteva avere. Alla fine ho mangiato un piatto di tagliatelle con il sugo al pomodoro, tutto prodotto localmente, ma devo dire molto buono, specialmente dopo giorni e giorni di riso.
Dopo pranzo abbiamo visto le donne giraffa e un'officina dove si producono gioielli, prevalentemente in argento. Abbiamo visitato anche un monastero famoso per il fatto che i monaci hanno addestrato i gatti per saltare tra i cerchi, ma non abbiamo visto lo spettacolo in quanto non si svolgeva più per le lamentele dei fedeli che dicevano che il monastero è diventato un circo e che monaci si guadagnavano con questa attività troppi soldi dai turisti.

Il ristorante italiano sul lago Inle   Donne giraffa con il collo allungato degli anelli di metallo   Anelli per allungare il collo   Commercio sul fiume   Barre d'argento   Filigrana d'argento   Turisti in visita

Prima del ritorno in albergo, si è fatto un giro nei giardini galleggianti. Si tratta della terra che galleggia sull'acqua, assicurata con numerosi bastoni in bambù, infilati nel fondo del lago, contro i spostamenti orizzontali, ma gli stessi bastoni permettono ai giardini di seguire cambiamenti di livello d'acqua nelle varie stagioni. Una delle attrazioni del lago sono i barcaioli che remano con una gamba, stando in un equilibrio molto precario, almeno così sembrava a noi; non potevo tornare in Italia senza scattare almeno una foto.

Giardini galleggianti   Riflessioni in acqua   Pomodori crescono dall'acqua
Canottaggio con una gamba può essere vista solo sul lago Inle   Fiore ci guarda

Birmania
Pagina iniziale

Yangon
All'arrivo

Bagan

Mandalay

Pindaya e Kalaw

Lago Inle

Roccia d'Oro

Yangon
Al ritorno


Viaggia con Gigi Birmania 2012

Tour Birmania