Birmania (Myanmar)

Yangon Bagan Mongolfiera Myanmar Golden Rock - Roccia d'Oro

Dal 16 al 30 Marzo 2008, mia moglie ed io abbiamo fatto il tour "Mingalabar Birmania" (si legge mingalaba e in birmano significa Ciao), organizzato dall'agernzia di viaggi Rallo. E' un tour individuale, cioè per noi due soli, accompagnati da una guida parlante italiano, che ci ha seguito per tutto il tour, e da autista che cambiava in funzione dei nostri spostamenti nel paese.
Questo sito è in pratica un diario di viaggio con tante fotografie dei posti stupendi che abbiamo visitato, cronologicamente ordinato secondo i nostri spostamenti.

Siamo partiti domenica, il 16, verso mezzogiorno, da Fiumicino per Kuala Lumpur (11 ore di volo), da dove siamo ripartiti per Yangon (2 ore e mezza), la capitale della Birmania. Specifico qui, per quelli un po' meno bravi in geografia, che dal 1989 la Birmania si chiama ufficialmente Myanmar. Alcune città e fiumi nel fratempo hanno cambiato nomi per decreto. Anche Yangon in effetti non è più ufficialmente la capitale, in quanto questa funzione è stata assegnata alla città di Pyinmana, che è stata anche rinominata Naypyidaw (sede dei re).

Era già il giorno dopo, cioè il 17. Il fuso orario è di +5 ore e mezza rispetto all'Italia. Abbiamo sbrigato molto velocemente le formalità aeroportuali (non abbiamo subito nessun controlo da parte delle autorità) e all'uscita ci aspettava la nostra guida Luigi. E' di etnia Shan (Scian) ed è uno dei pochi cattolici in questo paese buddhista.
Praticamente in mezza giornata siamo riusciti a vedere tante cose a Yangon.

Il 18 e il 19 abbiamo visitato Bangan (nome precedente era Pagan), una delle aree più ricche di monumenti al mondo. Durante la nostra permanenza a Bagan, abbiamo fatto anche un volo in mongolfiera ed una gita sul Monte Poppa, che hanno due pagine separate.

Dal 20 al 23 eravamo a Mandalay, l'antica capitale della Birmania nei tempi precedenti l'invasione e l'occupazione da parte degli inglesi. In effetti non siamo rimasti fissi a Mandalay per tutti quattro giorni, perchè si è fatta un'escursione con l'auto nella città di Monywa, visitando anche molti posti che si trovano sul tragitto, dove abbiamo prenotato il 21 (pagina dedicata). Il giorno 23, abbiamo fatto una gita nel vicino paese di Mingun.

Il 24 con l'aereo ci siamo trasferiti da Mandalay a Heho, un piccolo villaggio dove c'è l'aeroporto che copre le zone turistiche di Pindaya, Kalaw e lago Inle. Quel giorno abbiamo visitato Pindaya e dormito a Kalaw.

Il 25 ed il 26 abbiamo trascorso sul Lago Inle nello stato Shan, un posto decisamente speciale, dove tutta la vita si svolge nelle palafitte sull'acqua: ci sono le abitazioni, officine, alberghi, ristoranti, monasteri, mercati... tutto, tutto sull'acqua.

Il 27, era il nostro undicesimo giorno del tour, ci siamo spostati con l'aereo da Heho all'aeroporto di Yangon. Non siamo andati nella città, ma abbiamo proseguito con la macchina verso Kyaittiyo, per visitare la famosa Roccia d'Oro (Golden Rock).

Il 28, sempre in macchina, siamo tornati, passando per Bago, a Yangon, ed il giorno dopo, il 29, siamo ripartiti per Kuala Lumpur (6 ore di attesa del volo per Roma) e alla fine siamo arrivati a Roma il giorno successivo, il 30, alle 6 di mattina.

Questo bellissimo viaggio è terminato, ma non è finito. Il bello del viaggiare è che il viaggio dura molto più del tempo effettivamente impiegato, mesi e mesi dopo, nei nostri ricordi.



Birmania
Lago Inle

Casinò in Italiano